Inaugurato il primo stabile residenziale costruito secondo lo standard SNBS in Ticino

Inaugurato il primo stabile residenziale costruito secondo lo standard SNBS in Ticino

Siamo particolarmente orgogliose di aver partecipato in qualità di biologhe e progettiste degli spazi esterni alla realizzazione de Lo scudo di Stabio, il primo edificio residenziale in Ticino realizzato secondo lo Standard Costruzione Sostenibile Svizzera (SNBS), inaugurato ieri ! Il progetto è stato tra i finalisti del Simposio degli Active House Awards 2022!

Il sedime è posto in una fascia tra la zona industriale e la molto trafficata strada che conduce al Confine e una zona di Stabio invece più naturale e residenziale : grazie a un committente lungimirante, Luca Bolzani, e all’innovativo architetto Giuseppe Rossi, è stato realizzato un edificio all’avanguardia sotto molti punti di vista che accoglie un hub per inquilini di breve durata.

Uno degli innumerevoli punti innovatiti dell’edificio e dello standard SNBS è che per la prima volta un label si china anche sul tema della biodiversità inserendolo come criterio di certificazione. Oltre a un tetto rinverdito, con la progettazione degli spazi esterni abbiamo dato la priorità a misure per favorire il più possibile la piccola fauna offrendo nello spazio dato una elevata varietà di habitat, di cibo e di possibilità di rifugio. Grazie alla proficua collaborazione con il giardiniere Manuel Pesenti di Quartino e i suoi collaboratori, sono state piantumate siepi di specie locali con bacche e ghiande che favoriscono l’avifauna e la piccola fauna, seminati prati fioriti e sono stati realizzati ambienti che favoriscono ad esempio le lucertole e gli insetti, con la posa di sassi, legname e un muretto a secco. Non abbiamo dimenticato, però, di lasciare spazio e di "nutrire" anche gli inquilini, grazie alla realizzazione di fasce inerbite fruibili e la realizzazione di un piccolo orto con piante aromatiche e medicinali. Grazie agli spazi condivisi comprensivi di una cucina, infatti, gli inquilini che potrebbero provenire da Nazioni anche molto diverse, hanno la possibilità di condividere i pasti e le ricette. L’orto offre inoltre alcune specie medicinali in grado di calmare l’ansia e sedare lo stress: al ritorno da una giornata stressante, gli inquilini potranno quindi tagliare un ciuffetto di melissa o verbena per farsi una tisana che favorisca il sonno e l’equilibrio psicofisico. Ci sono inoltre alcune piante da frutta, lamponi e fragole, per addolcire il tutto.

Il progetto prevede anche una fase successiva di monitoraggio delle specie, per raffrontare la situazione prima e dopo la realizzazione dell’edificio. Ci attendiamo che vi saranno molte più specie rispetto alla sitiuazione inizale e crediamo di poter essere ottimiste: già ieri durante la conferenza stampa una cavalletta ha fatto il suo ingresso in la sala !

Lo Scudo di Stabio aprirà agli inquilini il primo di giugno, informazioni e riservazioni qui.